Pranoterapia Vibrazionale® a Roma

Sito del Maestro Guido PARENTE, Pranoterapeuta Vibrazionale, Naturopata Psicosomatico, Terapeuta di Medicina Vibrazionale con le Campane Tibetane

Come si pratica la Pranoterapia – Guido Parente

omini-prano

Premesso che nella medicina popolare mediterranea e orientale, spesso si incontrano, soprattutto nelle campagne, guaritori che in maniera semplice sono in grado di aiutare e di agevolare decorsi di malattie varie.

Ma è solo con approfonditi studi di anatomia, di fisiologia, di medicina psicosomatica, di medicina vibrazionale, di medicina tradizionale cinese, studio dei meridiani, kinesiologia, principi e tecniche di pranoterapia, tecniche di rilassamento, utilizzo di ulteriori tecniche olistiche, conoscenza del sistema psico-neuro-endocrino-immunologico, e, inoltre, con la mia modalità di ascolto, di percezione e di decodifica dei messaggi che il corpo mi trasferisce che potrò effettivamente aiutare nella maniera più appropriata le persone.

Importante è sicuramente l’approccio che il Pranoterapeuta deve avere nei confronti della persona o animale che tratterà, vale a dire, come ho sempre detto ai miei discenti, “dovete lavorare e agire con il CUORE”.

In ultima analisi, vi potranno essere delle metodologie relative alla posizione che le mani dovranno assumere a seconda di cosa effettivamente “troviamo”.

Cerco di essere più chiaro, spesso le sensazioni che la persona ci trasferisce, sono solo gli effetti di una patologia.

Dobbiamo andare oltre…

È nella nostra fase di ascolto che le vere sensazioni che il corpo, la mente e lo spirito della persona che trattiamo ci vengono trasferite; è importante osservare che solo un terapeuta dotato del vero “dono” riesce a percepire e a decodificare (sulla base degli studi che ha seguito, delle sue sensazioni e dell’esperienza che si è fatto sul campo) e ad operare in maniera congrua.

Sostanzialmente, vi sono due modus operandi:

•uno pratico, ossia come opera materialmente il pranoterapeuta;
•uno scientifico, ossia quale entità di energia il pranoterapeuta deve attivare come supporto alla cura.

Il pranoterapeuta agisce volgendo i palmi delle mani verso il paziente, appoggiando le mani o stando ad una distanza di pochi centimetri sopra organi, vasi linfatici, sistemi, ossa, chakra.

Le mani seguono percorsi prestabiliti, guidati in parte dal programma di lavoro, in parte dall’intuito energetico che attrae il pranoterapeuta, fornendo soluzioni sempre personalizzate.

Il Prana sa dove deve andare, dove vi è carenza energetica.

La gestualità delle mani è molto variegata, a seconda si debba dare energia o sia necessario drenarla, che si agisca su un punto o su un meridiano (secondo la medicina tradizionale cinese), che si lavori in profondità o in superficie, a livello emotivo o fisico.

La durata e la frequenza dei trattamenti, i tempi, l’intensità della bio-energia, l’intenzionalità del terapeuta e le tecniche di cui si serve per dirigere l’energia, sono infatti fattori molto importanti, ma altresì è importante che chi si sottopone a tali trattamenti non sia discontinuo, se vi è troppa distanza la riuscita potrebbe esserne condizionata.

Per informazioni su Trattamenti e Corsi contattare:
guidoparente@alice.it
+39 333 8593 007

©2010 Guido Parente. SIAE 2010. All rights reserved

Annunci